Natura Mediterraneo
 

 

Molluschi

Cerca
 
     
Home / Molluschi

Molluschi del Mediterraneo

 
 

 

Nel Mediterraneo troviamo oltre 2100 specie di Molluschi. Il nostro forum si propone di presentare alcuni componenti di questo grande phylum attraverso schede descrittive e foto specifiche, ma anche con discussioni e schede mirate ad approfondire alcune famiglie di Molluschi. Sono presenti inoltre molte foto di specie micro, introvabili altrove.


Ultime dal Forum Malacologico Calliostoma laugieri laugieri
Calliostoma laugieri laugieri
Papillifera bidens a Cremona?
MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI Mer, 23 Set 2020 14:35:28
vai al post!


Ci sono 5 risposte, la più recente del 23 settembre 2020 alle ore 14:35:28 inviata da:
iperione

Riesumo questo messaggio (di cui forse bisognerebbe aggiornare il titolo...) per due motivi:
Nell'ottobre 2017 avevo "marcato" (imbrattato il guscio con Uniposca arancione...) una ventina di esemplari adulti sul guscio, segnando anche un "marcatore di posizione" nel punto del muro dove le bestiole venivano rilasciate dopo il trattamento.
Oggi ho potuto riosservare due degli esemplari marcati, entrambi a pochi metri di distanza dal punto di rilascio (ormai completamente scolorito).


Papillifera bidens a Cremona?
134,64 KB

Papillifera bidens a Cremona?
203,55 KB

oggi, dopo l'acquazzone "rivitalizzante" di ieri sera, c'erano parecchi esemplari in giro, alcuni in pseudo accoppiamento, molti altri di aspetto giovanile


Papillifera bidens a Cremona?
237,93 KB

Papillifera bidens a Cremona?
209,66 KB

vado inoltre ad integrare la lista delle specie conviventi;
a parte la comune, e già molte altre volte osservata in loco, Xerotricha


Papillifera bidens a Cremona?
142,35 KB

c'erano anche questi cilindretti (Truncatellina sp.?) mai incontrati finora in questo contesto


Papillifera bidens a Cremona?
166,28 KB

Papillifera bidens a Cremona?
177,86 KB

Papillifera bidens a Cremona?
138,74 KB

per finire, questo minuscolo molluschino che, secondo me, assomiglia a qualcosa ma (non avendo mai visto in zona l'entità che mi ricorda), per ora non mi esprimo, in attesa di verifiche.
Papillifera bidens a Cremona?
122,8 KB


Gasteropode da identificare
MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI Lun, 21 Set 2020 18:54:27
vai al post!


Ci sono 6 risposte, la più recente del 21 settembre 2020 alle ore 18:54:27 inviata da:
ESant

Grazie mille ad entrambi!


Bithyniidae vs Hydrobiidae
MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI Lun, 21 Set 2020 18:43:01
vai al post!


Ci sono 6 risposte, la più recente del 21 settembre 2020 alle ore 18:43:01 inviata da:
LM77

Ciao SnailBrianza, grazie mille per le tue considerazioni chiare ed esaurienti


Gasteropode da identificare
MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI Lun, 21 Set 2020 12:11:47
vai al post!


Ci sono 6 risposte, la più recente del 21 settembre 2020 alle ore 12:11:47 inviata da:
fern

Rispondo a distanza di tempo perché ricordavo vagamente alcuni articoli sul genere Pyramidula che sono andato a guardarmi.
All’epoca della Checklist della Fauna Italiana, 1995, tutte le specie europee di Pyramidula segnalate in passato erano raggruppate in una sola specie chiamata P. rupestris, che stranamente il Cossignani (sempre nel 1995) chiamava P. pusilla.
Gittenberger e Bank (Basteria 1996), su base puramente morfologica, riconobbero in Europa 6 specie di cui due italiane: P. pusilla e rupestris.
Tuttavia, non so con quali argomenti, nella checklist di Fauna Europaea del 2011, come in quella di Mollusca Base del 2017, venne aggiunta una terza specie: P. cephalonica.
Nel frattempo ci sono stati due studi genetici, l’ultimo dei quali (O.Razkin et al. Species delimitation for cryptic species complexes: case study of Pyramidula, Zoologica Scripta 2017: 55-72) identificava 5 cladi cui si facevano corrispondere altrettante specie, assegnando alla fauna italiana:
Pyramidula pusilla (Vallot, 1801) (Italia continentale, da nord a sud)
P. saxatilis (Hartmann, 1842) simile a P. pusilla ma geneticamente distinta e concentrata sulle Alpi e metà settentrionale della penisola
P. jaenensis (Clessin, 1882), in precedenza ritenuta un endemita iberico che invece è molto più diffusa (e variabile) ed è presente nella penisola italiana, Sicilia e Sardegna. Morfologicamente si sovrappone a P. rupestris che invece sarebbe esclusa dalla fauna italiana, limitata a penisola iberica e Francia meridionale.

Osservo però che queste conclusioni non sono state recepite da Mollusca Base che, pur citando il lavoro di Razkin et al., assegna sempre all’Italia
P. rupestris
P. pusilla
P. cephalonica

Insomma, una gran confusione. Con tutto ciò, l'identificazione dell'esemplare con P. pusilla resta la più probabile, ma gli studi genetici hanno evidenziato un'ampia sovrapposizione fra la morfologia delle varie specie. Nessuno di questi lavori ha considerato l'anatomia ma da qualche parte ho letto che non aiuterebbe con queste specie.

fern

 

Home