testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Come inserire i video di Youtube nel Forum Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
 CROSTACEI, ANELLIDI ED ALTRI INVERTEBRATI
 Una pagina anche per i Lombrichi
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

paolofon
Utente Super

Città: Reggio nell'Emilia
Prov.: Reggio Emilia

Regione: Emilia Romagna


7447 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 marzo 2008 : 22:39:05 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Una pagina anche per i Lombrichi


I lombrichi sono già apparsi, ma raramente, nei messaggi del Forum; a dire il vero anche in Internet non sono molto considerati... forse ha ragione il volume "La Fauna" della vecchia collana del Touring Club Italiano "Conosci l'Italia" (1959):
hanno un aspetto talmente poco attraente e variato che non è facile trovare chi si diletti di ricercarli e studiarli


Eppure non sono animali rari; nemmeno piccolissimi: sempre secondo il testo sopra segnalato,
si passa dalle Dendrobaena e Eiseniella lunghe 1,5-2 cm alle Eophila che superano la lunghezza di 1 m


Il libro prosegue segnalando che esistono circa 60 specie italiane. Alcuni generi si dovrebbero distinguere in base alla sezione trasversale del corpo: trapezoidale nei generi Lumbricus ed Eisenia; quasi quadrata nelle Eiseniella; poligonale nelle Allobophora o nelle Helodrilus o nelle Dendrobaena o ancora nelle Bimastus; circolare nelle Octolasium....

Malgrado alcune mie ricerche nel web, non ho identificato nessuno dei lombrichi fotografati; li posto ugualmente, perchè é giusto che anche i Lombrichi abbiano la loro pagina nel Forum!

Se volete aggiungete le vostre foto.

1) elegantissimo nella sua livrea a fasce: fotografato nel giardino di casa a Reggio Emilia, 27-10-07

Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
285,2 KB

Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
247,59 KB

Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
297,42 KB

Paofon

Modificato da - Carlmor in Data 02 febbraio 2011 11:30:02

paolofon
Utente Super

Città: Reggio nell'Emilia
Prov.: Reggio Emilia

Regione: Emilia Romagna


7447 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 marzo 2008 : 22:42:36 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
2) lombrichi di montagna: Sologno, appennino reggiano, 29-04-07.

Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
212,51 KB

Paofon
Torna all'inizio della Pagina

paolofon
Utente Super

Città: Reggio nell'Emilia
Prov.: Reggio Emilia

Regione: Emilia Romagna


7447 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 marzo 2008 : 22:45:52 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
3) Vallesinella, gruppo del Brenta, TN, 04-08-07

Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
239,84 KB

Paofon
Torna all'inizio della Pagina

paolofon
Utente Super

Città: Reggio nell'Emilia
Prov.: Reggio Emilia

Regione: Emilia Romagna


7447 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 marzo 2008 : 22:50:09 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
4) un lombrico quasi diafano: Casse del Secchia, RE, 10-02-07.

Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
184,7 KB

Paofon
Torna all'inizio della Pagina

paolofon
Utente Super

Città: Reggio nell'Emilia
Prov.: Reggio Emilia

Regione: Emilia Romagna


7447 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 marzo 2008 : 22:51:58 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
5) Bellarosa, RE, stamattina, 11-03-08.

Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
218,77 KB

Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
269,4 KB

Paofon
Torna all'inizio della Pagina

perfect
Utente Senior

Città: Roma


1790 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 30 marzo 2008 : 18:37:15 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao, io ne allevo alcuni. Ho controllato la ckeck-list italiana e mi sono reso conto che le specie sono davvero tantissime e non ho perciò la minima idea di quali io abbia.
Mi è capitato recentemente di trovarne in un bosco uno non di un metro, ma che superava tranquillamente i 30 cm!

Modificato da - perfect in data 30 marzo 2008 18:38:04
Torna all'inizio della Pagina

papuina
Utente Senior


Città: SAN PIETRO IN CASALE
Prov.: Bologna

Regione: Emilia Romagna


4515 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 15 giugno 2008 : 22:29:14 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Potrebbe essere un nicodrilus sp. ????
Gennargentu Sardegna 1000mslm, abbondante sulla strada durante pioggia.
Ciao Beppe


Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
180,84 KB
Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
164,01 KB


Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
149,95 KB
Torna all'inizio della Pagina

franci
Utente Senior

Città: Morbegno
Prov.: Sondrio

Regione: Lombardia


1364 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 17 giugno 2008 : 10:24:33 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Anch'io non riesco mai a identificare i lombrichi che vedo e fotografo, ma li trovo esserini simpatici, oltre che utilissimi (nel mio orto ), per cui mi congratulo per l'idea di dedicare loro questa pagina

Franci
Morbegno (SO)
Link
Torna all'inizio della Pagina

alexxia
Utente Junior


Città: Massa


72 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 18 giugno 2008 : 18:15:49 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao,
anche a me stanno simpatici questi esserini utili...
e poi Darwin ha dedicato un intero libro ai lombrichi!! Lo sapevate?? E'anche un testo abbastanza gradevole da leggere
Ciao
Alexxia

Tolto l'impossibile, ciò che resta, per quanto improbabile, deve per forza essere la verità.
A.C. Doyle
Torna all'inizio della Pagina

paolofon
Utente Super

Città: Reggio nell'Emilia
Prov.: Reggio Emilia

Regione: Emilia Romagna


7447 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 28 dicembre 2008 : 21:59:52 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Segnalo due siti interessanti sui lombrichi... peccato che siano americani, ma ci sono varie cose da imparare!

- Great Lakes worm watch: in particolare tutta la parte "Worm Identification" con gli "Ecological groups";

- il Worm Watch canadese (anche in francese) con una Taxonomic Key nelle Resources.



Paofon
Torna all'inizio della Pagina

elleelle
Moderatore Trasversale

Città: roma

Regione: Lazio


32743 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 29 dicembre 2008 : 00:27:29 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Aggiungo volentieri qualche lombrico romano: questi che seguono sono stati trovati sotto pietre e tronchi nel parco di S. Sebastiano (vicino alle terme di Caracalla).


Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
275,3 KB



Modificato da - elleelle in data 29 dicembre 2008 00:34:27
Torna all'inizio della Pagina

elleelle
Moderatore Trasversale

Città: roma

Regione: Lazio


32743 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 29 dicembre 2008 : 00:28:24 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
238,48 KB


Torna all'inizio della Pagina

elleelle
Moderatore Trasversale

Città: roma

Regione: Lazio


32743 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 29 dicembre 2008 : 00:32:48 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Questo, invece, era sotto una pietra nel parco dell'Appia Antica (tutti fotografati tra novembre e dicembre).

luigi

Immagine:
Una pagina anche per i Lombrichi
260,09 KB


Torna all'inizio della Pagina

Carlmor
Moderatore Trasversale


Città: Varese
Prov.: Varese

Regione: Lombardia


8940 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 29 dicembre 2008 : 09:13:14 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di paolofon:

Segnalo due siti interessanti sui lombrichi... peccato che siano americani, ma ci sono varie cose da imparare!

- Great Lakes worm watch: in particolare tutta la parte "Worm Identification" con gli "Ecological groups";

- il Worm Watch canadese (anche in francese) con una Taxonomic Key nelle Resources.



Paofon


molto interessanti i due siti, grazie della segnalazione

Carlo
Torna all'inizio della Pagina

BioKonrad
Utente V.I.P.


Città: Verona
Prov.: Verona

Regione: Veneto


431 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 28 gennaio 2009 : 01:51:31 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
è tutta la sera che cerco informazioni sui lombrichi su internet, e mi stupisco della scarsità di informazioni... così mi è venuta un'idea: perchè quando avremo la fortuna di incontrare di nuovo un lombrico, oltre a qualche foto, non prendiamo dei dati che in futuro saranno utili alla determinazione?
Provo a fare una lista:

1- data e luogo
2- ambiente e tipo di suolo
3- dimensioni (lunghezza in contrazione ed estensione, larghezza testa, clitello)
4- colore dei metameri, dei solchi tra metameri, del clitello
5- numero metameri totale
6- numero metameri del clitello (se adulto)
7- numero metameri tra la bocca e il clitello (se adulto)
8- forma del clitello (se adulto)
9- forma della sezione del corpo (tonda, quadrata, trapezoidale, poligonale)
10- disposizione delle setole: a coppie vicine, a coppie distanti, separate, (se visibili con lente)

Se qualcuno la integra... penso sia una buona idea, perchè anche se adesso non siamo in grado di identificarli, con questi dati sarà possibile farlo in futuro.. e visto l'aspetto simile dei lombrichi spesso le foto da sole non bastano proprio..

Luca Corradi
_________________________

Link
Torna all'inizio della Pagina

paolofon
Utente Super

Città: Reggio nell'Emilia
Prov.: Reggio Emilia

Regione: Emilia Romagna


7447 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 28 gennaio 2009 : 18:29:34 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao Luca.
Sono perfettamente d'accordo con te.
Aggiungo:

1) i caratteri più importanti secondo me potrebbero essere la lunghezza totale, il numero di segmenti e le caratteristiche del clitello (quali e quanti segmenti occupa);

2) può essere utile anche l'ambiente: terreno, compostaggio, foglie morte....

3) aggiungo un link che pur parlando dei lombrichi ungheresi comprende varie specie italiane (confrontare con la Check List) e ritengo ben fatto;

4) altri due testi ben più impegnativi, reperibili on line sono:
- Dr. Wilhelm Michaelsen “Oligochaeta”, Das Tierreich 10, Berlin 1900 (in tedesco)
- Beddard, Frank E. "A monograph of the order of Oligochaeta" Oxford,Clarendon Press,1895.


Il mese scorso mi ero divertito a cercare di costruire una chiave identificativa alla buona usando queste fonti; ero arrivato per lo meno a riconoscere con una certa sicurezza il lombrico della quinta foto come Lumbricus terrestris: 155 segmenti circa (contati uno per uno ), clitello nei segmenti 31-37, lunghezza notevole...

Mi riprometto di stare più attento ai caratteri importanti per l'identificazione ai prossimi incontri....

Ciao

Paofon
Torna all'inizio della Pagina

iperione
Utente Senior

Città: Cremona


2262 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 06 febbraio 2011 : 09:24:56 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di BioKonrad:

...mi è venuta un'idea: perchè ... oltre a qualche foto, non prendiamo dei dati che in futuro saranno utili alla determinazione?


L'idea è ottima, ma chi come me è totalmente impreparato in materia si gioverebbe di una "codifica" delle informazioni da raccogliere; riferendomi alla lista di BioKonrad:

2- ... tipo di suolo:
dovremmo stabilire delle categorie, in modo che chi rileva il dato vi si possa riferire, migliorando così la confrontabilità delle diverse osservazioni;

3- dimensioni (lunghezza in contrazione ed estensione, larghezza testa, clitello):
qui per me ci sono grossi problemi; spesso gli esemplari sono statici, da cosa capisco se in quel momento sono in estensione o in contrazione? la "testa" come si individua, per poterne poi rilevare la larghezza? il clitello a volte non è evidentissimo, ci sono criteri per individuarlo in modo sicuro?

4- colore dei metameri, dei solchi tra metameri, del clitello:
anche i colori sarebbe meglio riferirli ad una scala predefinita (se bastasse dire rosso, rosa, giallo o grigio posso cavarmela, ma a volte ci si trova di fronte a gradazioni significative dei colori base che andrebbero definite in categorie standardizzate, sempre ai fini della confrontabilità delle osservazioni). Mi sembra poi che a volte i colori, nel corpo dell'animale, siano diversi sopra e sotto .

5- numero metameri totale:
(si spera di riuscire a contarli correttamente... a me è sembrato molto difficile farlo in animali contratti, mentre gli animali estesi spesso si muovono e complicano la faccenda; qui si rendono utili buone foto, che però devono essere nitide su tutto il corpo del soggetto)

6- numero metameri del clitello (se adulto)e 7- numero metameri tra la bocca e il clitello (se adulto):
per me la difficoltà sta già nel dover capire quali sono gli adulti e quali gli immaturi.

8- forma del clitello (se adulto):
anche in questo caso, per evitare la confusione derivante dalle impressioni personali del singolo osservatore, sarebbe meglio stabilire a priori le categorie di forma a cui fare riferimento nella descrizione.

9- forma della sezione del corpo (tonda, quadrata, trapezoidale, poligonale): personalmente ho trovato molto difficile stabilire in modo univoco la forma della sezione dei lombrichi che ho visto finora, non riuscendo a distinguerla precisamente neanche quando confronto quelli apparentemente molto diversi fra loro.

10- disposizione delle setole: a coppie vicine, a coppie distanti, separate, (se visibili con lente): ricordo di aver visto in passato degli schemi che esemplificavano questo importante carattere, sarebbe utile recuperarli per usarli come riferimento.

Per finire: se esistono cospicue check-list riguardanti gli anellidi, possibile che non si riescano a trovare testi (in lingue comprensibili ai più...) riguardanti le faune europee che ci possano aiutare? presumo che in ambito universitario sia un argomento caro alle facoltà di Agraria oltre che a quelle di Scienze Biologiche-Naturali.

Se BioKonrad ha proposto questi caratteri, immagino che lui si sia già fatto un'idea delle categorie di riferimento (la scala dei possibili colori, delle possibili forme del clitello, ecc..) magari deducendole dai testi che ha consultato, e che possa proporla per un utilizzo comune.



ciao

Iperione

Modificato da - iperione in data 06 febbraio 2011 09:52:55
Torna all'inizio della Pagina

giuliozac
Utente nuovo

Città: roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


1 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 01 marzo 2011 : 17:04:59 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
salve,
sono nuovo del forum, qualcuno di voi sa dirmi se ci sono degli allevatori di lombrichi nel lazio, io sono di roma, da poter eventualmente visitare, la mia idea e' quella di avviare un allevamento in zona, ma volevo vedere qualcosa di concreto o di gia' avviato prima.
Spero di essere nella discussione giusta....

grazie

giulio zaccheroni
Torna all'inizio della Pagina

dryocopus
Utente Junior


Città: Gessate
Prov.: Milano

Regione: Italy


41 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 28 dicembre 2011 : 21:17:08 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Anch'io sono un neofita di lombrichi...
Segnalo agli interessati anche questo link: Link, dove si trova una semplice chiave identificativa da campo per le principali specie britanniche e un modulo per i rilievi di campo (OPAL survey). Come suggerito da altri in questa discussione, la procedura parte da un'analisi del suolo.

Il sito parla di una chiave identificativa completa delle specie britanniche (Sims and Gerard, Earthworms, FSC 1999, Link), che però richiede l'uso del microscopio e non copre tutte le specie italiane.

Segnalo che la checklist dei Lumbricidae italiani disponibile online e anche la chiave inglese citata sopra presentano alcune discrepanze con la nomenclatura di Fauna Europea.


Saluti
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,31 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net