testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Conosci la funzione scorciatoia? Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
 MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI
 Su Candidula unifasciata
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

marco palmieri
Utente Senior

Città: Bologna


1742 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 15 settembre 2022 : 20:23:41 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Ciao a tutti,
vi pongo un quesito.
A quanto si evince dai dati archeomalacologici disponibili per il territorio bolognese, in passato (quantomeno dall'Età del Rame) Candidula unifasciata era ben attestata nella pianura, mentre oggi è presente quasi solamente in ambienti collinari e montani xerici, spesso in aree cacuminali (la sola stazione planiziale a me nota si trova al confine tra le provincie di Bologna e Ferrara).
La specie, nei depositi archeologici, si rinviene in associazione a malacofaune xerofile, es. Chondrula tridens, Monacha cartusiana, Truncatellina sp. ecc., mentre è rara la concomitanza con Cernuella cisalpina, squest'ultima attestata nel territorio fin dal Mesolitico, ma generalmente mai abbondante (al contrario di oggi).
Secondo voi la ragione della scomparsa di Candidula unifasciata risiede nella competizione con Cernuella cisalpina?
Quali possibili fattori ecologici possono averla penalizzata?

fern
Utente Senior

Città: Vicenza


2227 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 16 settembre 2022 : 00:45:45 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Non sono poche le specie scomparse dalla pianura padana, o almeno da ampi tratti di essa, probabilmente a causa della moderna agricoltura o più in generale per l'attuale sfruttamento del suolo, e non parlo di secoli ma di decenni.
Nel caso specifico mi sembra che Cernuella cisalpina prediliga gli ambienti ruderali degradati, mentre Candidula unifasciata ha bisogno di ambienti più naturali: la prima si può trovare abbondante presso un cantiere, la seconda predilige un prato arido. Ciò non esclude la competizione, che potrebbe essere una delle cause del prevalere di una specie in un dato ambiente.

fern
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8999 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 16 settembre 2022 : 23:53:14 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Per la malacofauna appenninica concordo con Marco che l'attuale habitat di Candidula unifasciata e quasi esclusivamente montano mentre Cernuella cisalpina dfficilmente si trova oltre i 6/700 m di quota. La concorrenza tra le due specie è difficilmente ipotizzabile.
Dai dati desunti dal lavoro di Chueca et. al. sulle Candidula europee vi è pochissima differenza genetica tra le popolazioni alpine e quelle appenniniche,
si potrebbe presumere una colonizzazione della penisola da parte di Candidula durante l'ultima glaciazone che trovando un clima più freddo poteva prosperare anche in aree planiziali.
Le popolazioni attuali, specialmente nell'Appennino centrale, si presentano come popolazioni relitte separate le une dalle altre.
Il Paleoclima del neolitico e dell'età del bronzo era decisamente più freddo del clima attuale.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,59 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net