testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Conosci la funzione scorciatoia? Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Geologia e Paleontologia - Natura Mediterraneo
 GEOLOGIA DEL MEDITERRANEO
 pozze di marea e di scogliera
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

golfopolikayakL
Utente V.I.P.

Città: Golfo di Policastro


216 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 12 febbraio 2020 : 21:42:24 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Propongo delle immagini di pozze di scogliera, si può notare che al centro si trova un residuo roccioso che somiglia ad una pietra staccata ma è solo una parte ancora non erosa. Penso che l'acqua continuerà la sua azione disgregatrice fino a renderla come un catino e poi continuando ad allargarlo.
I due esempi in foto (stesso luogo, Ogliastro a Maratea), uno senza acqua residua (sembra su roccia calcarea) e l'altro con residuo di acqua (sembra su strato conglomeratico) assecondano la linea di discesa dell'acqua secondo gravità.
In quello "conglomeratico" ho distinto 3 livelli, dal basso verso l'alto: fondo con acqua che non raggiunge l'imbocco di "scolo", livello di possibile riempimento massimo (segnato da colore più scuro) e livello di improbabile riempimento. Da notare tra i 2 ultimi livelli l'attecchimento di una piantina di Limomio salernitano unico organismo di "spessore" che ricopre l'interno della pozza.
Poi, l'azione del mare, dalla foto d'insieme si vede la bassa marea e le pozze di marea che diversamente dalle precedenti sono ricoperte e "protette" dagli organismi marini del meso/infralitorale.
Le pozze di marea subiscono un'azione incessante delle acque ma gli organismi ricoprenti (alghe incrostanti, fucales, ecc.) attutiscono l'effetto di disgregazione o formare eventuali cornici. Inoltre, l'acqua delle onde disgrega, quando possibile, dal basso verso l'alto ovvero anche con azione di spinta controgravitativa.
Infine, una foto che fa vedere dove l'azione del mare è più efficace: la roccia tende a "lisciarsi" e vi attecchiscono solo i pochi organismi marini che resistono alla forte esposizione alle onde (qualche cirripede, patella, alga..)
Mi scuso se mi sono dilungato troppo, mi sfugge qualche altra valutazione?
Sicuramente la caratteristica delle acque sarà differente tra pozze di marea (sale e ricambio) e pozze di scogliera (diluizione con acqua piovana ed esposizione al sole).

Grazie, Luigi

Immagine:
pozze di marea e di scogliera
236,63 KB
Immagine:
pozze di marea e di scogliera
286,89 KB
Immagine:
pozze di marea e di scogliera
254,55 KB
Immagine:
pozze di marea e di scogliera
280,05 KB
Immagine:
pozze di marea e di scogliera
286,79 KB

Modificato da - golfopolikayakL in Data 12 febbraio 2020 21:44:33

mauriziocaprarigeologo
Moderatore

Città: marina di montemarciano
Prov.: Ancona

Regione: Marche


3252 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 17 febbraio 2020 : 21:59:12 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
ciao luigi;
c’è un po’ di tutto;
dissoluzione carsica costiera, erosione meccanica, bioerosione da vari microorganismi (anche endolitici), erosione fitocarsica Link
buona serata

maurizio
____________________

“Un géologue est essentiellement un lithoclaste, ou rompeur de pierre…” - D. Dolomieu

“Non crederai a tutte queste sciocchezze, vero Teddy?” - M. Ewing (geofisico e oceanografo) a E. Bullard (geofisico), a proposito della tettonica delle placche (NY, 1966)
Torna all'inizio della Pagina

golfopolikayakL
Utente V.I.P.

Città: Golfo di Policastro


216 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 26 febbraio 2020 : 19:46:20 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di mauriziocaprarigeologo:

..c’è un po’ di tutto; dissoluzione carsica costiera, erosione meccanica, bioerosione da vari microorganismi (anche endolitici), erosione fitocarsica..


Grazie!
Torna all'inizio della Pagina

golfopolikayakL
Utente V.I.P.

Città: Golfo di Policastro


216 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 04 marzo 2020 : 16:58:47 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Allego il video dei luoghi per chi volesse avere maggiori riferimenti.
Falesia dormiente con antistante piattaforma di litorale.
Luigi



Torna all'inizio della Pagina

mauriziocaprarigeologo
Moderatore

Città: marina di montemarciano
Prov.: Ancona

Regione: Marche


3252 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 06 marzo 2020 : 21:04:28 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
molto belle ed evocative le immagini del video;
due domande/curiosità:
- ha un nome l'antro con quelle concrezioni (penso attive) che ricoprono le testate degli strati?
- quelle che si vedono a 2:03 sono ovature?

ciao

maurizio
____________________

“Un géologue est essentiellement un lithoclaste, ou rompeur de pierre…” - D. Dolomieu

“Non crederai a tutte queste sciocchezze, vero Teddy?” - M. Ewing (geofisico e oceanografo) a E. Bullard (geofisico), a proposito della tettonica delle placche (NY, 1966)
Torna all'inizio della Pagina

golfopolikayakL
Utente V.I.P.

Città: Golfo di Policastro


216 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 09 marzo 2020 : 11:15:21 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di mauriziocaprarigeologo:

molto belle ed evocative le immagini del video;
due domande/curiosità:
- ha un nome l'antro con quelle concrezioni (penso attive) che ricoprono le testate degli strati?
- quelle che si vedono a 2:03 sono ovature? ciao


Grazie Maurizio!
Ecco le precisazioni richieste:
-l'antro (non molto "profondo" e ,penso, scavato alla base dal mare, azione che dovrebbe risultare attiva ancora oggi in caso di forti mareggiate), non è facilmente accessibile anche per la presenza di massi crollati. Diversamente da altri maggiormente rinomati nella zona (di origine carsica) e più facilmente accessibili come le grotte preistoriche di Fiumicello (con ritrovamenti di industria litica del paleolitico medio) poche centinaia di metri più in là, nei pressi della spiaggia. Quindi, non mi risulta abbia un nome preciso se non della località: Ogliastro, Guaragliu.
- non sono ovature, ritengo siano giovani esemplari dell'alga bruna Padina pavonica
spero di essere stato utile, Luigi
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Forum Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,75 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net