testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: L'iscrizione al nostro Forum è gratuita e permette di accedere a tutte le discussioni.
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Biologia Marina - Mare Mediterraneo
 PORIFERI
 Un quesito su Spongia officinalis
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Successiva >>
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pag.di 2

pinctada
Utente Junior

Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


47 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 20 dicembre 2011 : 12:34:50 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

I portali dei commercianti di spugne naturali di mare distinguono due spugne mediterranee, la spugna Fine Dama (o Dalmata), con pori piccolissimi e più pregiata e la spugna arcipelago, con pori medi e meno pregiata.

Allego foto e macro di quella che dovrebbe essere la prima, proveniente dal golfo di Taranto, e foto tratta dal web della seconda.

Si tratta di sottospecie di Spongia officinalis?

Hanno una denominazione scientifica?


Allegato: Un quesito su Spongia officinalis IM003472.pdf
197,53 KB

Gianpiero Piva

Modificato da - Ro in Data 20 dicembre 2011 18:19:33

pinctada
Utente Junior

Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


47 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 20 dicembre 2011 : 12:37:00 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Macro della stessa Fine dama?
Immagine:
Un quesito su Spongia officinalis
99,65 KB

Gianpiero Piva
Torna all'inizio della Pagina

pinctada
Utente Junior

Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


47 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 20 dicembre 2011 : 12:38:54 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Foto di spugna Arcipelago?

Tratta dal Web
Immagine:
Un quesito su Spongia officinalis
95,85 KB

Gianpiero Piva
Torna all'inizio della Pagina

Ro
Moderatore

Città: Taranto
Prov.: Taranto

Regione: Puglia


1849 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 20 dicembre 2011 : 14:26:16 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Spongia officinalis è una specie RIGOROSAMENTE PROTETTA dalla legge.
E' presente nell'allegato 2 e 3 (specie di fauna rigorosamente protette) della CONVEZIONE DI BERNA ed è inserita anche nelle liste di animali protetti della CONVENZIONE DI BARCELLONA.
Pertanto oltre ad essere profondamente indignata da questo messaggio, chiedo di sapere privatamente o pubblicamente i nomi di questi commercianti di spugne per denunciarli alle autorità competenti.

Rossella
Torna all'inizio della Pagina

pinctada
Utente Junior

Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


47 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 20 dicembre 2011 : 14:51:08 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Scusa Rossella,

io intendevo solo capire se quelle indicate dai commercianti di spugne come Fine Dama e Arcipelago fossero sottospecie di Spongia Officinalis.

Se inserisci in GOOGLE “spugne naturali di mare” e Fine Dama o Arcipelgo, trovi decine di questi portali che li vendono, una ventina di anni fa a Gallipoli vi erano decine di negozi e bancarelle che vendevano liberamente spugne di mare, io non ci sono più stato ma amici mi hanno detto che ci sono ancora.


Gianpiero Piva
Torna all'inizio della Pagina

Ro
Moderatore

Città: Taranto
Prov.: Taranto

Regione: Puglia


1849 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 20 dicembre 2011 : 17:24:21 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
L'ennesima prova di quanto in Italia valgano le leggi... ed è per questo che si continuerà a strappare dal fondo del mare le spugne, i coralli, si continuerà a spaccare gli scogli per prelevare i datteri, si continuerà a strascicare dove non si può, distruggendo, depredando e rendendo il mare un deserto.
Io non posso fare altro che pregare tutti quelli che leggeranno questa discussione di non comprare più scheletri di animali marini siano essi spugne, coralli, molluschi e quant'altro.

Rossella
Torna all'inizio della Pagina

pinctada
Utente Junior

Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


47 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 20 dicembre 2011 : 17:34:05 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Capisco il tuo disappunto,

se ritieni che la discussione che ho aperto possa, anche indirettamente, incrementare attività illecite, eliminala pure, potreste soddisfare privatamente la mia curiosità.



Gianpiero Piva
Torna all'inizio della Pagina

Neto
Moderatore


Città: Dozza
Prov.: Bologna

Regione: Emilia Romagna


2826 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 20 dicembre 2011 : 17:36:16 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Ro:

......
Io non posso fare altro che pregare tutti quelli che leggeranno questa discussione di non comprare più scheletri di animali marini siano essi spugne, coralli, molluschi e quant'altro.

Rossella

Completamente d'accordo con Rossella

Link
Torna all'inizio della Pagina

Ro
Moderatore

Città: Taranto
Prov.: Taranto

Regione: Puglia


1849 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 20 dicembre 2011 : 18:18:57 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
No, non voglio assolutamente eliminare la discussione... anzi la metto in rilievo perchè voglio che venga letta da quante più persone possibile...
Ma perchè invece di acquistare una spugna da dei veri e propri "criminali" non vai su una spiaggia dopo una mareggiata e fai una passeggiata... sai che questa specie si può trovare spiaggiata dopo forti mareggiate??
Gli scheletri degli esemplari "naturalmente" morti vengono depositati sulla riva insieme ad altri tesori inestimabili...
Non sai quanto possa essere grande la soddisfazione di trovare uno di questi tesori senza prezzo donati dal mare.

Rossella
Torna all'inizio della Pagina

pinctada
Utente Junior

Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


47 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 21 dicembre 2011 : 08:44:16 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Condivido pienamente Rossella,

non intendo assolutamente comprarne, il problema è che se uno entra in quei portali non può certo immaginare che si tratti di specie protetta.


Gianpiero Piva
Torna all'inizio della Pagina

Ro
Moderatore

Città: Taranto
Prov.: Taranto

Regione: Puglia


1849 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 21 dicembre 2011 : 12:00:31 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
E allora sono contenta di averlo fatto sapere a te come ad altri che possono visitare quei portali.

Rossella
Torna all'inizio della Pagina

balistes
Utente V.I.P.

Città: Roma


227 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 21 dicembre 2011 : 12:13:36 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Devi proprio scusarmi Rossella,

in questo post tu sei indignata, arrabiata e a me invece viene da sorridere... sai perchè ?

Perchè penso:

Quanto sarebbe più bello il nostro mare se ci fossero più persone come te....



Vorrei aggiungere un'altra riflessione amara, un certo tipo di persone invece, sembrano completamente impermeabili a questo tipo di messaggio, si chiudono in gruppi e si alimentano dei loro stessi commenti, considerando noi, gli altri, come degli sciocchi esagerati.
Non so dirti quale sia la soluzione ma sembra che comprendano solo la pena pecuniaria, null'altro li distoglie.Per comportamenti come questo mi sento anche un po' demotivato al riguardo, mentre post come il tuo mi ridanno coraggio..
Grazie, Rossella.


Torna all'inizio della Pagina

Ro
Moderatore

Città: Taranto
Prov.: Taranto

Regione: Puglia


1849 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 21 dicembre 2011 : 19:54:50 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Grazie Alessandro
Io in verità credo che solo una minoranza di persone pur sapendo che arreca un danno al mare, continua imperterrito a depredare. La maggior parte si comporta in modo sbagliato forse solo per "ignoranza" perchè ignora quanto possano essere gravi le proprie azioni.
Ad esempio pochi sanno le vere motivazioni per cui Spongia officinalis è una specie rigorosamente protetta. Oltre allo sfruttamento incontrollato dell'uomo che ha decimato le popolazioni naturali, si sono verificate una serie di malattie, delle vere e proprie epidemie, che hanno contribuito alla rarefazione di questa specie. Ed è ancor più grave sapere che queste malattie probabilmente sono innescate da un aumento della temperatura del mare. In pratica alte temperature inducono uno stato di stress in questa specie che risulta quindi più facilmente attaccabile da agenti patogeni.
In più l'estrema lentezza di accrescimento della specie, il particolare ciclo riproduttivo (che ho studiato personalmente) che consente agli esemplari femminili di emettere larve una sola volta all'anno, costituiscono ulteriori fattori che rendono difficile il ripopolamento di questa bellissima spugna.

Rossella
Torna all'inizio della Pagina

pinctada
Utente Junior

Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


47 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 22 dicembre 2011 : 12:25:34 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ho verificato ulteriormente sul web ed ho trovato che vi sono aziende che vendono queste spugne non solo in Italia ma anche in Grecia, Francia e Spagna.

Non riesco a capire come questo sia possibile e perché non si possa fare nulla.

Gianpiero
Torna all'inizio della Pagina

Ro
Moderatore

Città: Taranto
Prov.: Taranto

Regione: Puglia


1849 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 23 dicembre 2011 : 10:44:03 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Neanche io riesco a capire come sia possibile una cosa del genere...
forse queste aziende hanno delle autorizzazioni particolari che permettono loro di sfruttare dei banchi spongiferi noti, anche se è un vero e proprio paradosso, dato che proprio i banchi residui dovrebbero fungere da nuclei di propagazione della specie.

Rossella
Torna all'inizio della Pagina

pinctada
Utente Junior

Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


47 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 23 dicembre 2011 : 11:21:00 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Rossella,

credo che tu sia una biologa marina, alcuni anni fa ho visto che in un tratto di mare queste spugne erano abbastanza frequenti, ho anche visto che venivano pescate dagli stessi bracconieri che pescavano i datteri di mare, allora non sapevo che le spugne fossero specie protetta ma sapevo che era proibita la pesca dei datteri, l’ho detto a due poliziotti ma non so come sia andata a finire, non indico il luogo per evitare che qualcuno possa andarle a pescare.

Non so se la notizia possa essere utile, e se questi banchi possano servire per ripopolare zone dalle quali sono sparite, ad esempio, nel parco marino di Isola Capo Rizzuto, lo scorso anno non ne ho viste nemmeno una, se mi dai un contatto privato ti posso indicare il luogo.

Gianpiero
Torna all'inizio della Pagina

Ro
Moderatore

Città: Taranto
Prov.: Taranto

Regione: Puglia


1849 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 23 dicembre 2011 : 11:55:58 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
I pescatori di datteri non si lasciano sfuggire niente, tutto ciò che può essere venduto e produrre così un guadagno viene prelevato senza troppi complimenti. E il loro passaggio è fin troppo evidente sott'acqua. Quando trovo le tracce della loro opera distruttiva mi lascia senza fiato il constatare la loro totale mancanza di pietà. Perchè senza pietà distruggono ad ogni colpo di martello piccole nicchie, piccoli angoli sottomarini brulicanti di vita che per me racchiudono un mondo minuscolo e perfetto.

Puoi indicarmi il sito dove hai notato Spongia officinalis privatamente tramite messaggio privato.

Rossella
Torna all'inizio della Pagina

pinctada
Utente Junior

Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


47 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 23 dicembre 2011 : 12:06:24 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Rossella,

ti ho inviato il messaggio privato in quanto sei "amministratore" ma non riesco a vedere se lo hai ricevuto, sono un po' imbrtanato con questi strumenti.

Gianpiero
Torna all'inizio della Pagina

Ro
Moderatore

Città: Taranto
Prov.: Taranto

Regione: Puglia


1849 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 23 dicembre 2011 : 12:17:55 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ricevuto

Rossella
Torna all'inizio della Pagina

pinctada
Utente Junior

Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


47 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 20 luglio 2012 : 13:07:58 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Rossella,

a distanza di parecchi mesi non sono ancora riuscito a capire come le spugne di mare, che sono specie protetta, possano tranquillamente essere vendute in tutti i paesi del Mediterraneo, anche sul Web.

Recentemente ne ho vista una a Recco, di una decina di cm. di diametro, del tipo che chiamano “Arcipelago”, a porosità media, al prezzo di 30 €., era esposta tranquillamente in vetrina, ovviamente non mi sognerei mai di comprarla.

Un’ultima curiosità, come ho scritto nel forum, i tipi che raccolgono e vendono le spugne di mare mediterranee le distinguono tra Fine Dama (o Dalmata), con pori piccolissimi e che sembra proprio la Spongia officinalis e la spugna Arcipelago, con pori medi, dalle foto pubblicate sembrano piuttosto diverse, si tratta di specie diverse, sono due sottospecie o sono una variante della stessa specie?

Gianpiero
Torna all'inizio della Pagina

Ro
Moderatore

Città: Taranto
Prov.: Taranto

Regione: Puglia


1849 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 20 luglio 2012 : 17:41:53 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao,
io ho invece capito (ahimè) il perché le spugne da bagno sebbene protette si trovino in commercio. La protezione (nel caso delle spugne da bagno) non implica un divieto assoluto di prelievo ma una "raccolta regolamentata" ossia la pesca delle spugne può essere effettuata da professionisti muniti di autorizzazioni (non so chi le rilascia e in base a quali criteri). è uno dei tanti paradossi legislativi...
A tal proposito voglio raccontare a voi del forum cosa mi è capitato un po' di tempo fa...
Saprete certamente che anche i ricci eduli sono protetti con clausola (raccolta regolamentata)... In un posto vicino casa mia (dove un tempo c'erano tantissimi ricci) capitò un "pescatore di ricci autorizzato" che prelevava ogni giorno dallo stesso sito 1000 ricci. In tal modo, il pescatore "legalmente" ha raccolto in 10 giorni, 10000 ricci. La popolazione ancor oggi non si è ripresa dal prelievo in massa operato dal pescatore autorizzato e sebbene io abbia denunciato più volte l'accaduto alla guardia costiera mi è stato detto che era tutto in regola...

Riguardo le varie qualità di spugne commerciali non posso aiutarti, non le conosco.

Rossella
Torna all'inizio della Pagina
Pag.di 2 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Pagina Successiva >>

 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,35 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net