testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Hai provato la nostra ricerca tassonomica da Browser? Clicca qui per info!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Biodiversità
 FORUM BIODIVERSITA'
 I fuorilegge verdi
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Danius
Moderatore


Città: Bastia
Prov.: Ravenna

Regione: Italy


3055 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 28 aprile 2011 : 13:53:34 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Vi è mai capitato di leggere, vedere o comunque sapere dell'arresto e della pena capitale per intere specie?
Mi spiego meglio: i pericolosi fuorilegge sarebbero il Crataegus monogyna, Crataegus oxyacantha, ma anche tanti altri...
Ma la soluzione, ammesso che esista, non è affatto semplice, appunto, mi pare un buono spunto di discussione.
Per esempio, il biancospino è un ospite secondario per la ruggine del grano, la Puccinellia graminis, e quindi è in atto da tempo una lotta contro i biancospini. In teoria, ma penso anche in pratica, qualcuno avrebbe potuto lavorare sulle varietà resistenti di grano, possibile che non ne esistano? Evidentemente, è più comodo fare fuori intere siepi (quando esistono ancora), e non dico che i colpevoli siano gli agricoltori, è una mentalità assai diffusa, e mi meraviglio che nelle aree di riequilibrio ecologico, oasi e riserve naturali siano lasciati in pace.
Ma volendo ben guardare, un motivo c'è, anche se cosa succede in pratica? Che ci si trova con siepi di specie alloctone, simili al biancospino, ma che tali non sono. Non mi sorprende dunque che pochi sappiano distinguere un Procambarus da un'aragosta, un cedro del Libano da un Pino... o che si trovi in vendita il necessario per una "bella" Robinieta per consolidare i versanti franosi.
E, oggi ho "il dente avvelenato", cosa avrà mai a che fare con la "pulizia" l'uso indiscriminato di diserbanti? Che in un incolto cresca un Verbasco non vuol certo dire che vi si annidino chissà quali pericolosi malviventi, una distesa di Romici non è una discarica.
Allora mi sorge un dubbio: non è che la ragione è antropologica, che ci sia un qualche cosa di innato che possa spiegare tutto ciò? Di vagamente culturale? O è solo ignoranza?


La Rana non s'ingozza mai di tutta l'acqua dello stagno in cui vive
[Proverbio Sioux Teton]

WildCatBear
Utente V.I.P.

Città: piacenza


170 Messaggi
Fotografia Naturalistica

Inserito il - 20 maggio 2011 : 13:46:38 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
[i] O è solo ignoranza?

purtroppo non credo sia solo ignoranza, a questa si aggiunge l'arroganza,
la presunzione di superiorità a tutto, la particolare idea che l'uomo possa migliorare la natura.

Purtroppo invece spesso non riesce nemmeno a rimediare ai danni che fa.

si lo ammetto sono un po' ostile all'umanità...
ci faccio un po' pace solo quando incontro persone che amano la natura.

Cammina leggero nel verde
così lieve
che del tuo passaggio non resti traccia
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,15 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net